SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA
Release date:
da venerdì 13 a domenica 15 marzo

da venerdì 13 a domenica 15 marzo

 

GINEVRA MEDIA PRODUCTION SRL

presenta

ANTONIO CATANIA GIANLUCA RAMAZZOTTI PAOLA QUATTRINI

in

SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA

due atti di RAY COONEY

versione italiana di IAIA FIASTRI

 

regia originale di PIETRO GARINEI

nuova messa in scena LUIGI RUSSO

 

con

NINI SALERNO

MARCO CAVALLARO

ALESSANDRO D’AMBROSI

con la partecipazione di

PAOLA BARALE

 

scene originali di Terry Parsons riprese da Marco Pupin

costumi di Silvia Morucci
luci di Giuseppe Filipponio

un progetto artistico di Gianluca Ramazzotti

 

Com’è difficile tradire la moglie quando si è personaggi in vista, quando il tradimento si deve consumare in un albergo affollato e frequentatissimo e quando ci si mettono le coincidenze e gli intrecci: questa in sintesi la trama di SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA

La commedia è ambientata in un albergo di lusso, dove il gioco delle porte ha facile presa, e dove l’incalzare della trama, densa d’equivoci e colpi di scena sempre più fitti, rende la vicenda ricca di divertimento e situazioni paradossali che stimolano la risata del pubblico.

Cooney ha scritto questa farsa usando tutti i trucchi, i colpi di scena, le gags, gli effetti speciali, gli equivoci, i battibecchi, i rossori, gli spaventi, gli armadi, i letti e le vestaglie del teatro nato per far ridere pur specchiandosi nei vizi e nelle ipocrisie della società che ci circonda.

Com’è oramai tradizione non raccontiamo la trama che si svolge – prendendo a prestito Feydeau – in un albergo del libero scambio. Basta la premessa: il sottosegretario De Mitri (Antonio Catania) convince, nonostante la presenza della moglie Natalia (Paola Quattrini), il suo segretario Girini (Gianluca Ramazzotti) ad organizzargli un incontro galante con Susanna (Paola Barale), segretaria della FAO.

E poiché proprio all’inizio il portaborse commette un errore di identità ne consegue una girandola di situazioni tutte legate dal filo doppio della risata.

Comments are closed.